Scienza

Ora, un semplice dispositivo per imitare complessi canti di uccelli

Un semplice dispositivo in grado di creare complessi canti di uccelli, compresi quelli di zebra e fringuelli bengalesi, è stato sviluppato da scienziati di origine indiana dell'Università di Harvard.

Università di Harvard, canto degli uccelli, complessità del canto degli uccelli, ricercatori di origine indiana di Harvard, siringa, meccanismi di controllo, ricerca di Harvard, instabilità meccanica controllabileI ricercatori hanno scoperto che la complessità intrinseca del canto degli uccelli potrebbe in realtà essere il risultato di una semplice instabilità controllabile nella struttura dell'organo specializzato utilizzato per creare il canto, noto come siringa. (Credito immagine: Università di Harvard)

Un semplice dispositivo in grado di creare complessi canti di uccelli, compresi quelli di zebra e fringuelli bengalesi, è stato sviluppato da scienziati di origine indiana dell'Università di Harvard. Il dispositivo utilizza l'aria soffiata attraverso un tubo di gomma allungato per ricreare il canto degli uccelli che si trova in natura.

I ricercatori hanno scoperto che la complessità intrinseca del canto degli uccelli potrebbe in realtà essere il risultato di una semplice instabilità controllabile nella struttura dell'organo specializzato utilizzato per creare il canto, noto come siringa.

Lo studio condotto da L Mahadevan, professore alla Harvard John A Paulson School of Engineering and Applied Sciences negli Stati Uniti,
suggerisce che gli uccelli potrebbero aver sfruttato le proprietà fisiche di un materiale morbido per produrre e controllare il canto degli uccelli.



Il nostro studio si aggiunge alla crescente consapevolezza che le instabilità fisiche con ricche dinamiche non lineari, quando accoppiate a meccanismi di controllo relativamente semplici, possono fornire un meccanismo per gli uccelli per iniziare a creare comportamenti complessi prendendo
vantaggio della loro natura fisica e materiale, ha detto Mahadevan.

La ricerca, pubblicata sul Journal of the Royal Society Interface, è stata scritta insieme ad Aryesh Mukherjee e Shreyas Mandre, entrambi ex membri del gruppo del laboratorio di Mahadevan.